Come scrivere un curriculum efficace in Italiano?

Come scrivere un curriculum in Italiano? Quali informazioni bisogna mettere in un curriculum italiano? Quale forma bisogna dare ad un curriculum italiano? Sono tutte domande che ci poniamo quando iniziamo la nostra ricerca di lavoro in Italia, ma in quest’articolo approfondiremo questo tema per poter ottenere un curriculum di qualità!

SOMMARIO

1# I consigli per scrivere un curriculum efficace in italiano

Ci vogliono anni per imparare a scrivere un curriculum secondo gli standards del nostro paese, e poi decidiamo di andare a lavorare in Italia, e bisogna ricominciare tutto da capo!

In questa parte vi daremo qualche consiglio per aiutarvi a creare il vostro primo curriculum in italiano.

1.1 Qual’è la struttura ideale di un curriculum in italiano?

La struttura ideale di un curriculum in italiano, varia in funzione del vostro statuto e della posizione che state ricercando.

In effetti, se venite dall’estero, vi sarà più difficile capire rapidamente le regole di recruiting in Italia, e rischiate di compromettere la vostra candidatura se cercate di riprodurre il format che viene usato e richiesto nel vostro paese.

E’ per questa ragione, il CV formato europeo Europass, che permette di fornire un format standard che risponda alle esigenze dei datori di lavoro in tutta l’Europa.

Attraverso Europass, avete la possibilità di creare e modificare un CV, usufruendo di template di cv italiani, gratuiti.

Il CV Europass italiano, è un’ottimo strumento per incominciare la ricerca di lavoro in Italia, perchè vi mette a disposizioni i campi utili che dovrete poi modificare.

1.2 Qual’è la lunghezza giusta di un cv italiano?

In Italia, il curriculum solitamente è lungo 2 pagine, ma non di più. Tra l’altro, con Eurpass, potrete difficilmente fare tenere tutte le informazioni su una sola pagina.

1.3 Bisogna mettere una foto sul cv italiano?

Foto o non foto? Questo dilemma esiste anche in Italia. E’ evidente che non c’è nessun obbligo di mettere una foto su un curriculum italiano. Tuttavia deve essere preso in considerazione il fatto che il curriculum forse sarà l’unico modo di farsi notare dal vostro potenziale datore di lavoro. Non pensate che il vostro sguardo onesto e il vostro sorriso potrebbero essere due strumenti molto utili?

Se vi candidate per un lavoro alla reception, e che siete delle persone sorridenti e solari, immaginate l’impatto che potrebbe avere di riuscire a mostrarlo in un curriculum!

E’ ovvio che se decidete di metterne una, la scelta della foto sarà determinante! La foto efficace è quella su sfondo bianco che vi ritrae in modo professionale!

1.4 Cosa bisogna scrivere in un curriculum italiano?

Per avere un curriculum italiano completo, bisognerà inserire informazioni personale per sapere chi siete e come fare per contattarvi, una foto di voi, le vostre esperienze, le vostre competenze ma anche i vostri diplomi e le vostre certificazioni.

Alla fine del curriculum è obbligatorio scrivere e firmare questa frase: “Autorizzo il trattamento dei dati personali contenuti nel mio curriculum vitae in base all’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 e all’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali.”

1.5 Quali esperienze bisogna inserire nel curriculum italiano?

Ricordiamoci che il curriculum ha per obiettivo di specificare chi siete, cosa avete fatto, le vostre competenze, le vostre esperienze ma anche dare l’idea di quello che volete fare in futuro.

Se avete fatto tante esperienze diverse, è meglio dettagliare solo quelle che hanno un senso rispetto al posto di lavoro per la quale vi candidate. Infatti bisogna evitare di dare l’impressione che non sappiamo quello che vogliamo fare o che non rimaniamo mai a lungo in un’azienda.

1.6 Come fare per descrivere le proprie competenze in italiano?

Conoscere le espressioni utili per scrivere il proprio curriculum in italiano è un passaggio fondamentale per elaborare un prodotto di qualità!

La ricerca è un passaggio fondamentale in ogni successo, e quindi anche in questo caso non bisognerà tralasciarla.

Ogni paese ha le sue proprie regole e modi di dire, e le traduzioni a volte non sono letterali.

Per esempio, per dire che sapete gestire i problemi, non direte ” Ho ottime capacità nel gestire i problemi”, non è sbagliato ma il modo più utilizzato è “Ho ottime capacità di problem solving”.

L’ideale, per avere il vocabolario necessario, è di ricercare le parole chiavi sui siti di annunci di lavoro. Leggere vari annunci, vi aiuterà a determinare le frasi utili del mondo lavorativo, in linea con il vostro profilo.

Per ogni esperienza, è davvero importante mettere in valore le vostre competenze e quello che sapete veramente fare.

1.7 Quali certificazioni bisogna mettere in un curriculum italiano?

Tutti i diplomo e le certificazioni in relazione con il posto di lavoro ricercato, valgono la pena di essere scritti nel vostro curriculum.

Anche se ottenete certificazioni in scuole private o online, questo avrà sempre un’impatto positivo su un recruiter, perché mostrerà la vostra determinazione, la vostra voglia di imparare nuove cose e di aggiornare le vostre conoscenze.

Le lingue sono molto apprezzate in Italia, ed è per questo che se avete ottenuto una certificazione che dimostra il vostro livello, non bisognerà esitare a notificarlo.

1.8 Dove si possono trovare altri modelli di CV italiani?

Come già detto, un format standard Europass è un’ottimo punto di partenza per incominciare una ricerca di lavoro in Italia, tuttavia in un secondo momento, per candidarvi a delle offerte più specifiche potrete servirvi dei template su canva.com.

Questo strumento è totalmente gratis e vi permette di realizzare CV creativi, e non solo!

Canva è uno strumento molto conosciuto nel mondo digitale, che vi permette di realizzare post Instagram, carte da visita, flyers, ecc…

2# Gli errori da non fare in un CV italiano

Facciamo tutti degli errori quando realizziamo il nostro curriculum, spesso anche senza rendercene conto.

Questa parte vi permetterà di evitarne qualcuna per migliorare la qualità del vostro CV.

2.1 Fare un CV troppo dettagliato

Un recruiter per un annuncio di lavoro puo’ ricevere migliaia di candidature e si concentrerà sui cv sintetici, organizzati che gli permetterà di guadagnare tempo. Il rischio di dare troppo informazioni è che non vengano lette!

2.2 Fare un CV troppo originale

Puo’ essere utile smarcarsi dagli altri candidati, ma non troppo! Certi lavori nel marketing o la comunicazione, possono giustificare un CV creativo ma nella maggior parte dei casi, il curriculum deve essere sintetico e organizzato. Bisognerà quindi fare attenzione allo stile e ai colori.

2.3 Dimenticarsi dei dettagli

Inserire una foto inappropriata, fornire un’e-mail che non sia solo nome+cognome, fornire un numero di telefono che non è il vostro o che ha una segreteria imbarazzante, sono tutti dettagli che potrebbero spingere il datore di lavoro a non selezionarvi! Quindi il contenuto è importante ma anche il resto va curato, in modo da essere visti come persone perfezioniste.

2.4 Inviare il curriculum in un formato sbagliato

Il formato pdf è l’unico che puo’ essere utilizzato per l’invio di un CV online, perché non puo’ essere modificato dal vostro destinatario. Inviarlo in un’altro formato non sarebbe professionale.

Tra l’altro, pensate sempre a rinominare il file prima di inviare la vostra candidatura.

2.5 Inviare il curriculum con degli errori

Errori o informazioni non coerenti possono fare brutta impressione. Cercate di far rileggere il vostro CV da un’altra persona per cercare di limitare gli errori.

All’inizio sembra tutto difficile, ma con il tempo il vostro CV sarà perfetto!

Articles conseillés